Fossabanda: Sinistra Per… convoca un’assemblea pubblica e chiama a raccolta le forze politiche

fossabandaaglistudenti

Oggi, nella giornata del 16 ottobre, si è riunito il consiglio comunale. Sinistra Per… davanti a Palazzo Gambacorti ha lanciato il secondo presidio nell’arco di una settimana sul tema di Santa Croce in Fossabanda; dopo una nostra interlocuzione con il presidente del consiglio comunale, con una mozione d’ordine presentata da Una Città in Comune, la seduta del consiglio è stata sospesa e si è proceduto ad un’audizione con i capigruppo dei diversi gruppi consiliari. In quella sede, i rappresentanti di Sinistra Per… hanno esplicitato l’importanza di giungere in tempi rapidi ad un accordo sulla destinazione a casa dello studente e mensa dell’immobile di Santa Croce in Fossabanda, chiamando le diverse parti politiche ad un confronto pubblico, aperto e trasparente, che si terrà lunedì 20 ottobre alle ore 18.30 nell’aula magna di Palazzo Serafini. L’incontro con i diversi capigruppo è stato chiarificatore di una serie di nodi tecnici rispetto alla trattativa, ma ancora la maggior parte delle forze politiche non si è espressa rispetto alla questione. Rilanciamo sia sulla necessità immediata della convocazione della Conferenza Università e Territorio, esplicitata anche dal Rettore dell’Università di Pisa nell’ultimo Consiglio di Amministrazione, e ribadiamo che, a fronte dell’emergenza abitativa studentesca ormai incalzante, non c’è più tempo per aspettare: la destinazione d’uso di Fossabanda come casa dello studente potrebbe non solo, infatti, tutelare le centinaia e centinaia di borsisti che ancora oggi si trovano a dover attendere un posto letto ma potrebbe anche garantire l’attraversamento di quell’immobile di alto valore storico-architettonico a tutta la cittadinanza, cosa che sarebbe garantita con una locazione all’ARDSU. A fronte di tutto ciò, rilanciamo sull’assemblea pubblica del 20 ottobre, luogo di confronto e discussione non solo fra le  forze politiche presenti in città, ma in cui anche gli organi di governo di Università e Diritto allo Studio si esprimano sulla questione.

 

Rispondi