Ancora sulle aule del polo Fibonacci

La settimana scorsa, molte aule del Polo Fibonacci sono state lasciate aperte dopo le lezioni. Questo potrebbe essere un passo avanti nella vertenza che da sempre è stata portata avanti anche da “Sinistra per…“: poter studiare nelle aule del proprio Polo significa potersi confrontare, usare la lavagna e non dover spendere metà del tempo libero fra una lezione e l’altra per cercare un posto ove ripassare.

Purtroppo però, quello che è accaduto qualche giorno fa è evidentemente frutto di una concessione straordinaria e non di una garanzia nero su bianco. Chiediamo che l’apertura delle aule nelle quali non si svolgono lezioni diventi la prassi, non solo al Polo Fibonacci, e che sia regolamentata, per evitare che si ripeta la folle corsa alla chiusura accaduta ad inizio anno.

Invitiamo tutti a partecipare all’assemblea indetta dai rappresentanti, mercoledì 12 novembre in aula A, nella quale si discuterà della gestione degli spazi del nostro Polo.

Rispondi