Vittoria di Pirro a CTF
fotoOggi si è tenuto il Consiglio di Corso di Laurea di CTF in cui si è definita la programmazione didattica per il prossimo anno accademico. Le tematiche più interessanti sono sostanzialmente tre e le elenchiamo qui di seguito.

Docenti:

per la gran parte degli insegnamenti sono stati confermati i docenti degli anni precedenti ad eccezione di:
Principi di biologia molecolare (prof.ssa Trincavelli)
Chimica Fisica (prof. Pomelli)
Biologia vegetale con elementi di botanica farmaceutica (prof. Flamini)
Fondamenti di chimica farmaceutica (codocenza prof. Martinelli, prof. Tuccinardi)
Chimica organica II (prof.ssa Di Bussolo)
Fabbricazione industriale dei medicinali con aspetti regolatori (prof.ssa Burgalassi)

Corsi a scelta:

come discusso nella assemblea, noi rappresentanti abbiamo portato in commissione didattica la proposta di eliminare la soglia di attivazione aprendo di conseguenza tutti i corsi. Dopo una ampia discussione la commissione didattica ha dato parere favorevole alla proposta di attivazione di tutti i corsi a scelta e della istituzione di una giornata di presentazione degli stessi.
Per noi questa ha rappresentato una grande vittoria perchè veniva sostanzialmente riconosciuta l’importanza di questo strumento di specializzazione che ci è dato. E’ assurdo pensare che la nostra unica possibilità di scelta in un percorso quinquennale dovesse essere condizionata dal caso.
Purtroppo la commissione didattica di corso esprime esclusivamente pareri lasciando l’ultima parola al Consiglio di corso.
Oggi il Consiglio di corso, dopo una estenuante discussione, ha deciso a maggioranza di ignorare il parere di un organo fondamentale come la commissione didattica e quello di una assemblea di studenti partecipatissima, deliberando di inserire una soglia di attivazione.
Una delle motivazioni addotte è stata la problematica inerente la gestione logistica delle aule che sarebbero “occupate per pochissimi studenti”; la domanda che ci poniamo è: cambia davvero molto occupare un’aula per uno, tre o sei studenti? Se dovessimo ragionare davvero in questi termini e limitare l’attivazione dei corsi al fine di riempire le aule, allora la soglia dovrebbe essere di gran lunga più alta.
Anche in questo caso ci siamo battuti perchè fosse il più bassa possibile, chiedendo che il limite fosse fissato a tre studenti. Anche in questo caso il Consiglio ha deciso facendo finta che le nostre istanze non fossero state presentante ponendo il limite a sei studenti.
Sosteniamo che probabilmente il Consiglio avrebbe deliberato ugualmente l’abbassamento della soglia ed è per questo che consideriamo l’indifferenza verso il percorso istituzionale che c’è stato una azione di una particolare gravità.
Contestando il metodo rimaniamo comunque relativamente soddisfatti del risultato ottenuto.

Propedeuticità:

nello scorso Consiglio di Corso abbiamo deliberato due modifiche di regolamento inerenti le propedeuticità. Essendo una modifica di regolamento sarebbe entrata in vigore a partire dal prossimo anno accademico. Considerando spiacevole non lasciare che gli studenti giovino di quelle modifiche sin da subito, abbiamo chiesto che tali modifiche fossero rese retroattive. Il Consiglio ha approvato la nostra richiesta e per questo sono immediatamente decadute le propedeuticità di
“Anatomia con elementi di istologia” per “Patologia generale e terminologia medica”
“Matematica” per “Fabbricazione industriale dei medicinali con aspetti regolatori”

Rispondi