Bando Borse 2016/17: le novità introdotte!

In sede di discussione del nuovo Bando Borse previsto per l’a.a. 2016 – 2017 sono state introdotte alcune novità che il 4 luglio sono state definitivamente approvate dall’Azienda per il diritto allo studio, il bando è stato pubblicato.

Vi riportiamo le richieste che abbiamo sollevato e che sono state riconosciute e introdotte nel nuovo Bando Borse:

– Innalzamento soglie ISEE e ISPE:  IseeIspein seguito all’innalzamento dei parametri nazionali, sono state riformulate le soglie ISEE e ISPE per permettere agli studenti rimasti esclusi dal precedente bando di poter rientrare e godere di un beneficio che dovrebbe spettare loro per diritto.
Le soglie previste di ISEE 22.000 e ISPE 45.000, sebbene siano notevolmente aumentate, segnando una svolta in positivo, non si sono attestate ai parametri nazionali, rischiando così di perpetuare l’esclusione di numerosi studenti.

– Rimodulazione fasce interne: dal prossimo le fasce interne delle borse di studio saranno riformulate: dai 0 ai 9000 per la prima fascia, dai 9000,01 ai 12000 per la seconda e dai 12000,01 ai 22000 per la terza.

images– Mobilità internazionale: visto il nuovo programma Erasmus Plus che prevede la possibilità di più soggiorni all’estero, è stata aumentata la possibilità di ricevere un contributo forfettario di 480 euro per chi soggiorna all’estero, anche più di una volta, senza distinzione tra studenti in sede, pendolare e fuori sede, per un totale di 10 mesi complessivi. Il nuovo meccanismo tuttavia risente ancora di parecchi limiti che in futuro cercheremo di risolvere.

– Studenti pendolari e fuori sede: gli studenti fuori sede, ma che abitano dai 60 ai 90 minuti di lontananza dal luogo di studi potranno autonomamente fare richiesta, se desiderano, per essere considerati studenti pendolari, rinunciando così al secondo pasto e al diritto all’alloggio ma avendo la possibilità di avere un contributo monetario più consistente.

– Unioni civili: è estesa la possibilità anche agli studenti in unione civile o convivenza di fatto, oltre che agli studenti coniugati, di poter richiedere il contributo affitto in sostituzione del posto alloggio, per tanti anni ci siamo battuti per riuscire ad ottenere questo risultato e finalmente i nostri sforzi si sono concretizzati!!!

Purtroppo tante richieste non sono state prese in considerazione, come la possibilità di ottenere la borsa di studio per gli studenti richiedenti asilo politico o l’estensione del servizio mensa anche agli studenti borsisti detenuti….lavoreremo nei prossimi anni per migliorare i futuri bandi ed estendere i diritti di tutti gli studenti e tutte le studentesse.

Sinistra per…

Rispondi