Assemblea pubblica sui fondi per le attività studentesche

Ogni anno l’Ateneo pisano eroga alle associazioni culturali studentesche e a gruppi di studenti fondi a sostegno dell’organizzazione di attività culturali organizzate dalla comunità studentesca all’interno del nostro Ateneo e, in generale, in città.

In questo contesto, lo scorso anno è avvenuto un drastico calo dei finanziamenti per le singole attività. Nello specifico, sono aumentate le richieste di fondi da parte degli studenti per organizzare iniziative culturali autonomamente. Tuttavia a questa maggiore richiesta di cultura non è seguito un aumento di fondi da parte dell’Ateneo. I fondi erogati lo scorso anno in molti dei casi sono risultati irrisori e non hanno permesso la piena realizzazione degli eventi proposti se non addirittura la loro stessa impossibilità di realizzazione, soprattutto per quelle associazioni studentesche che non possono avvalersi di altre fonti di finanziamento. (Ad esempio i fondi teatro sono genericamente passati da più di un migliaio di euro di finanziamento a circa 600 euro).

Tale situazione ha portato il gruppo consiliare di Sinistra Per.., nella seduta del Consiglio degli studenti del 7 marzo 2018 a  farsi promotore di una proposta per l’aumento del fondo totale messo a disposizione dall’Ateneo per le suddette attività studentesche, sia per porre rimedio alla situazione emergenziale del momento, sia per cercare di favorire a lungo termine il fiorire di attività culturali  organizzate dalla comunità studentesca.

A tale proposta l’Ateneo non ha dato seguito, non tanto per mancanza di fondi, quanto per una mancanza di volontà politica nell’assegnazione di risorse aggiuntive senza la possibilità da parte dell’amministrazione universitaria di scelta di quali iniziative finanziare o meno.


Alla luce di quanto accaduto, lanciamo un’assemblea di confronto pubblico lunedì 10 dicembre 2018, alle ore 17.00 al Palazzo Boileau, in via Santa Maria 85, in aula B2, aperta a tutt*, per elaborare insieme una proposta da portare negli organi competenti, al fine di chiedere nuovamente l’aumento dei fondi per le attività studentesche con l’obiettivo di valorizzare sempre di più tali iniziative, convinti che le stesse, organizzate e richieste fortemente dagli studenti, siano di vitale importanza per implementare l’offerta formativa del nostro Ateneo.

Rispondi