frammentiEcco un elenco esaustivo degli organi collegiali esistenti all’interno dell’Università di Pisa e nei vari enti esterni, nei quali è prevista una rappresentanza studentesca.

 

CONSIGLIO DI CORSO DI STUDI: è l’organo che si occupa di amministrare ogni singolo corso di studi, anche in forma aggregata. Pur essendo l’organo “di base” all’interno del nostro Ateneo vi vengono prese molte decisioni importanti, dal banale rispetto del numero degli appelli previsto dal Regolamento Didattico d’Ateneo alle modalità d’accesso ai corsi; senza dimenticare il disbrigo delle pratiche di carriera degli studenti.

 

CONSIGLIO DI DIPARTIMENTO: è l’organo di governo del dipartimento. Affronta le discussioni avviate dai consigli di corso, compie inoltre scelte generali in materia di didattica, uso delle risorse economiche e ricerca.

 

SENATO ACCADEMICO: è l’organo di rappresentanza delle diverse componenti dell’Università e ha compiti di regolazione, di coordinamento, consultivi e propositivi ed è inoltre l’organo di indirizzo politico, nel quale i rappresentanti degli studenti sono 4 su un totale di 25 membri. Previo parere favorevole del Consiglio di Amministrazione ratifica tutti i regolamenti e gli ordinamenti in materia di attività didattica e scientifica, le modifiche di statuto e di codice etico.

 

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE: assieme al Senato Accademico, il Cda è organo apicale dell’Università di Pisa, con compiti di gestione economico-finanziaria e conta 2 studenti su 10 membri. Delibera il piano di sviluppo edilizio, le acquisizioni di immobili oppure la loro alienazione. Stabilisce inoltre l’importo delle tasse e dei contributi dovuti dagli studenti.

 

COMMISSIONI DIDATTICHE (DI CORSO DI STUDIO, DI DIPARTIMENTO E DI ATENEO): per ogni livello decisionale esiste una commissione didattica paritetica. Il pari numero di studenti e docenti (e quindi il nostro peso nelle decisioni) è una caratteristica fondamentale in questi organi, che forniscono pareri sulle questioni più importanti legate alla didattica, le quali dovranno poi essere obbligatoriamente discusse nell’organo corrispondente.

 

CONSIGLIO DEGLI STUDENTI (CDS): è l’organo rappresentativo degli studenti dell’Università. È composto da 25 membri eletti nelle 6 aree scientifico-disciplinari dell’ateneo e dai 15 rappresentanti studenteschi negli organi centrali. Oltre ad esprimere pareri e formulare proposte su tutti i temi di interesse studentesco, tra cui regolamenti e ordinamenti didattici, attuazione del diritto allo studio, efficienza dei servizi, orientamento e tutorato, tasse e contributi e sul bilancio annuale di previsione dell’Ateneo. Ha specifiche competenze in materia di gestione delle aule studio di Ateneo e di assegnazione di fondi per le attività autogestite dagli studenti nel campo della cultura e degli scambi culturali, dello sport e del tempo libero.

Il consiglio assume, in qualità di organo consultivo del Comune di Pisa, la denominazione di CONSULTA COMUNALE DEGLI STUDENTI UNIVERSITARI quando affronta temi inerenti alla presenza, alle esigenze ed agli interessi degli studenti universitari nei confronti del territorio.

 

NUCLEO DI VALUTAZIONE: esercita le funzioni di valutazione interna dell’efficienza, dell’efficacia e della qualità della gestione amministrativa, delle attività didattiche e di ricerca e degli interventi di sostegno al diritto allo studio.

 

PRESIDIO DELLA QUALITÀ DI ATENEO: si occupa di supervisionare lo svolgimento adeguato e uniforme delle procedure di Assicurazione della Qualità nelle attività formative e nelle attività di ricerca. È composto da 6 docenti (uno per ciascuno dei 6 settori scientifico culturali e da un rappresentante degli studenti indicato dal Consiglio degli Studenti.

 

COMITATO PER LO SPORT UNIVERSITARIO: è l’organo che si occupa di indirizzare e programmare la gestione degli impianti sportivi garantendo tra le altre cose l’accesso a tariffa agevolata agli studenti universitari. È composto da 7 membri di cui 2 studenti, il rettore o un suo delegato, 2 rappresentanti dell’università e 2 del CUS (l’ente che amministra direttamente gli impianti).

 

COMITATO UNICO DI GARANZIA (CUG): erede del “vecchio” Comitato per le Pari opportunità, opera a tutela di singoli e i gruppi contro le discriminazioni di ogni tipo.

 

COMITATI SCIENTIFICI DEI POLI e COMITATI DI INDIRIZZO E CONTROLLO DEI SISTEMI: per le funzioni bibliotecarie, museali e informatiche, l’Università di Pisa è dotata di tre sistemi che coordinano le proprie articolazioni interne, dette poli.Ciascun polo è dotato di un comitato scientifico (di cui fanno parte anche rappresentanti studenteschi) e di un coordinatore scientifico.Il Presidente di sistema, i coordinatori scientifici dei poli, i rappresentanti del personale tecnico-amministrativo e due rappresentanti degli studenti eletti dal consiglio degli studenti formano poi il Comitato di Indirizzo e Controllo del Sistema.Sono attivi quindi il Sistema Bibliotecario d’Ateneo, il Sistema Museale d’Ateneo e il Sistema Informatico Dipartimentale.

 

CONSIGLIO DI CENTRO: è prevista una rappresentanza studentesca all’interno dei consigli dei centri che svolgano attività di formazione, come nel caso del Centro Linguistico Interdipartimentale.

 

CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL DSU TOSCANA: è l’organo apicale dell’Azienda per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana. Oltre ad amministrare l’azienda effettua, per tutta la Regione, scelte in materia di diritto allo studio, borse, servizi mense e alloggi. Formato da 9 membri, 3 di essi sono rappresentanti degli studenti (uno per ogni sede universitaria: Pisa, Firenze, Siena), ovvero i rispettivi presidenti dei Consigli Territoriali degli Studenti. I rappresentanti degli studenti al CdA del DSU siedono inoltre nella CONFERENZA REGIONALE PER IL DSU assieme al presidente della Giunta regionale o suo delegato, al presidente dell’Ardsu, ai rappresentanti delle università e degli istituti di alta formazione della Toscana e ai sindaci di Pisa, Firenze e Siena. La Conferenza esprime pareri sugli atti di programmazione regionale in materia di diritto allo studio universitario, sul piano degli investimenti e sul bilancio dell’Azienda e sulle proposte di sviluppo universitario in Toscana.

 

CONSIGLIO TERRITORIALE DEGLI STUDENTI PER IL CONTROLLO DELLA QUALITÀ: è l’organo preposto al controllo dei servizi forniti dall’Azienda per il diritto allo studio in ciascuno dei tre “ambiti territoriali” toscani (Pisa, Firenze, Siena) attraverso ispezioni periodiche nelle case dello studente, relazioni sul servizio ristorazione, proposte su regolamenti e servizi. È composto da 7 studenti. Il suo presidente è membro di diritto del CdA del DSU Toscana.

 

CONSIGLIO REGIONALE DEGLI STUDENTI, organo che esprime pareri e proposte in merito al piano di indirizzo generale integrato, sul piano annuale degli interventi, sul bilancio preventivo e di esercizio e sui criteri di erogazione dei servizi in materia di diritto allo studio universitario. È composto dai membri dei Consigli Territoriali degli Studenti di Pisa, Siena e Firenze.

 

CONFERENZA UNIVERSITÀ E TERRITORIO (CUT): la CUT è un tavolo interistituzionale creato per favorire il dialogo tra Università e territorio. È composto da: il sindaco o un suo delegato, un rappresentante della maggioranza e uno della minoranza in consiglio comunale, il Rettore, il presidente e 2 membri del Cda Ardsu, il presidente e 2 membri del Consiglio degli Studenti. Nell’ultimo anno abbiamo spinto affinché questo organo venisse convocato e discutesse dei problemi reali della popolazione studentesca a Pisa, dalla scarsità di trasporti pubblici all’emergenza abitativa.

 

COMITATO REGIONALE DI COORDINAMENTO (CO.RE.CO.): è l’organo che coordina le attività degli atenei toscani, delle scuole superiori universitarie e degli istituti di alta formazione. È composto dagli 8 rettori e direttori, dai tre presidenti dei consigli studenteschi di Pisa, Siena e Firenze e dal Presidente della Regione o suo delegato.

 

CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI STUDENTI UNIVERSITARI: organo consultivo di rappresentanza degli studenti universitari, formula pareri e proposte al Ministro dell’istruzione, università e ricerca. È composto da 30 membri eletti sul territorio nazionale, tra i quali è presente anche uno specializzando e un dottorando.

Rispondi